Image 1 title

type your text for first image here

Image 1 title

Image 2 title

type your text for second image here

Image 2 title

Image 3 title

type your text for third image here

Image 3 title

Image 4 title

type your text for 4th image here

Image 4 title

Image 5 title

type your text for 5th image here

Image 5 title

Image 6 title

type your text for 6th image here

Image 6 title

Image 7 title

type your text for 7th image here

Image 7 title

Image 8 title

type your text for 8th image here

Image 8 title

Image 9 title

type your text for 9th image here

Image 9 title

Cosa è il Canyoning?

Canyoning-69Salti, scivoli, cascate, e toboga scavati nella roccia dall'opera millenaria dell'acqua, sono gli elementi comuni che caratterizzano il canyoning  o torrentismo.
Tutto questo immerso in un ambiente naturale e incontaminato, raggiungibile solo attraverso la pratica di questo sport. È una attività fluviale che necessita per la sua pratica la conoscenza di tecniche di progressione su corda e conoscenza dell’elemento Acqua. E’ un’attività outdoor che ha preso campo in Italia solo dai primi anni’90, conoscendo una costante fase di sviluppo.
Il canyoning  o torrentismo non è uno sport individuale, ma di gruppo. 
Consiste nella discesa a piedi di torrenti caratterizzati dalla presenza di gole anche molto profonde e strette, forti dislivelli, cascate, scivoli, toboga. Per far ciò si utilizza il semplice camminare sulle sponde e sul greto del torrente stesso, il nuoto e il calarsi con le corde. A differenza di altre attività fluviali, il Canyoning si pratica con portate ridotte di acqua. Generalmente le gole, che in gergo vengono chiamate “forre” sono spesso inaccessibili dall’esterno.
Gli ostacoli all'interno di una forra sono rappresentati principalmente dalle cascate, che vengono superate con l'ausilio di corde o, dove possibile, effettuando tuffi, scivolate o passaggi di disarrampicata. Spesso alla base delle cascate sono presenti profondi laghetti. In tale caso, dopo la discesa su corda o con tuffo, con una breve nuotata si raggiunge la riva.
Qualora si usino le corde è necessario che sia presente un sistema di ancoraggio, cioè un punto dove assicurare la corda. Gli ancoraggi sono costituiti da tasselli ad espansione o fissati nella roccia con resine speciali. Quando tutti i partecipanti si sono calati, la guida recupera la corda e tutto il materiale, (all’infuori dell’ancoraggio che rimane fisso), per essere riutilizzato nelle successive calate.
I percorsi hanno mediamente una durata variabile da poche ore fino a 8/10 ore e più, ma sono presenti anche percorsi più lunghi che richiedono bivacchi notturni. Spesso è necessaria una marcia di avvicinamento in salita per raggiungere il punto di partenza. 
Le tecniche di progressione attualmente in uso sono tecniche specifiche per l'attività, frutto dell’evoluzione e adattamento all’ambiente Forra di tecniche alpinistiche, speleologiche, e di altri sport di acqua viva (Kayak, Hydrospeed, Rafting).
In Italia e in generale in tutta la parte dell’Europa meridionale o mediterranea, il Canyoning è praticabile dalla primavera inoltrata fino agli inizi dell’autunno. Come per altre discipline outdoor, affidandosi ad una Guida Canyon, Professionista del settore, anche i neofiti o persone con poca esperienza di canyoning possono praticare questa attività.